Aiutando gli altri finiamo per aiutare anche noi stessi

A tutti capita di interrogarsi su cosa rimarrà di noi quando non ci saremo più e quale testimonianza della nostra esistenza lasceremo alle generazioni future. È da qui che nasce una nuova consapevolezza e presa di coscienza sull’importanza del lascito solidale a favore della ricerca scientifica su malattie come i tumori del sangue.

Un lascito testamentario potrebbe sembrare una donazione come altre, invece è qualcosa di più, qualcosa di cui fino a pochi anni fa non si conosceva l’impatto e il potenziale. Questo gesto è capace di garantire il futuro della ricerca e dare a tanti pazienti la speranza di una cura definitiva o di una migliore prospettiva di vita.

Lasciti solidali e Ricerca Scientifica vanno di pari passo

Grazie ai lasciti testamentari, AIL sostiene le sue attività tra cui la Ricerca Scientifica: nel corso del 2017 l’AIL ha finanziato la ricerca per oltre 7 milioni di euro. I centri di ricerca uniscono sforzi e conoscenze per ottenere grandi risultati nel combattere le patologie ematologiche che affliggono adulti e bambini. Per noi tutti, ma soprattutto per i pazienti, è fondamentale poter contare su un lascito testamentario.

Come ha dichiarato Claudia, 43 anni, guarita da un Linfoma di Hodgkin, "Sapere che la ricerca ha fatto grandi progressi anche grazie al contributo di chi ha deciso di inserire AIL e di ricordare noi pazienti nelle sue volontà, scalda il cuore e ci ricorda che non siamo soli ad affrontare la malattia".

Una catena di solidarietà

Francesca, che ha accompagnato suo figlio durante la malattia, ha visto con i suoi occhi il valore positivo di un lascito solidale: la struttura in cui ha soggiornato durante le cure del piccolo Mattia presso un Centro Ematologico lontano dalla loro città, è stata realizzata anche grazie ad un dono nel testamento.

Il sostegno dei medici e dei volontari nel periodo della malattia del figlio lo ha portato ad una importante riflessione, ovvero quella di inserire nel suo testamento un lascito ad AIL:"Un lascito solidale è il primo anello di una catena di solidarietà che vorrei non si interrompesse mai. Non smetterò mai di ringraziare chi, con la sua generosità, ha lasciato aperta una porta per la vita di mio figlio".