Testamento olografo

Bruna era un giovane medico quando, negli anni '90, ha visto la sua cara amica Gabriella ammalarsi di Leucemia Mieloide Acuta. La donna ha combattuto con tutta sé stessa ma non ce l’ha fatta e così Bruna ha trasformato il ricordo della sua grande amica in aiuto concreto per i pazienti ematologici. Come? Scrivendo un testamento olografo a favore di AIL.

Anche tu puoi scegliere di scrivere un testamento olografo, è estremamente semplice. Insieme al testamento pubblico e segreto, è una delle forme di testamento previste dalla legge italiana. Sono tutte ugualmente valide e producono gli stessi effetti. Questo tipo di testamento, che è il più diffuso, viene redatto autonomamente senza l’intervento di un notaio e non prevede alcun costo.

Requisiti necessari di validità

È importante rispettare alcuni requisiti necessari affinché il testamento sia valido:

  • Deve essere integralmente scritto di pugno (cioè a mano) dal testatore su un qualsiasi foglio di carta. Infatti, se il documento è digitato al computer e stampato oppure se dettato ad un'altra persona, anche se firmato e datato dall’interessato, è nullo. Va scritto con la propria scrittura abituale, avendo cura di scrivere in modo chiaro e leggibile.
  • Deve essere firmato per esteso dal testatore alla fine del documento con le disposizioni testamentarie. Qualora sia redatto in più di una pagina è opportuno che il testatore sottoscriva ogni pagina dell’atto.
  • Non va dimenticata la data comprensiva di giorno, mese e anno.

È bene inoltre indicare con precisione i beneficiari dei beni di cui si sta disponendo inserendo il loro nome, cognome e residenza o in caso di enti scrivendo la denominazione corretta e il codice fiscale (ad esempio nel caso di AIL Nazionale il codice fiscale da riportare è il seguente 80102390582). In caso di disposizioni a favore di beneficiari indicati in modo generico e non identificabili queste potranno essere considerate nulle.

Se si sono scritti testamenti in passato è necessario scrivere:”Revoco ogni mio precedente testamento”. Difatti, se si dovesse cambiare idea per qualunque motivo, il testamento è sempre revocabile e modificabile in qualunque momento.

Conservazione del testamento

Il testamento olografo viene per sicurezza redatto in due o tre copie originali con contenuto identico che il testatore potrà, se desidera, anche consegnare ai beneficiari indicati nel testamento o a persona/e di fiducia. Non sono valide fotocopie.
È anche possibile depositare il testamento olografo presso un notaio. Con questa forma di custodia si scongiura qualsiasi timore che il testamento venga smarrito o sottratto.

Pubblicazione del testamento

Non appena si ha notizia della morte del testatore, chiunque sia in possesso di un testamento olografo deve recarsi da un notaio per la pubblicazione presentando la copia insieme all’estratto di morte del testatore. Sarà cura del notaio redigere un verbale di pubblicazione del testamento in presenza di due testimoni in cui verrà allegato il testamento. Sarà poi compito dello stesso notaio dare notizia a tutti i beneficiari affinché vengano a conoscenza delle volontà testamentarie.

Con un lascito testamentario a favore di AIL possiamo trasformare il vostro supporto in un aiuto concreto per i pazienti.