«Questa donazione nasce dal desiderio di Papà, condiviso con me e Tommaso, mio fratello, inserito, poi, nel suo testamento. Durante gli avvicendamenti della malattia, il suo pensiero è stato per quanti gli hanno offerto un sostegno con un sorriso affettuoso e un incoraggiamento sincero. Il suo gesto è un ringraziamento ai medici, infermieri e a tutti quelli che anche nella sofferenza lo hanno curato e assistito con dedizione e nel rispetto della dignità umana.

L'idea più spontanea di sé stesso era legata al suo essere artista e pittore, sentito nel profondo come ricerca del bello e riflessione della condizione umana. Questo lascito ha ad oggetto il frutto del suo lavoro, perseguito con amorevole dedizione e costanza durante tutta la sua vita.

La bellezza e la poetica di quanto ci ha affidato è una ricchezza che fa bene all'animo. Raccogliamo il suo segno, fatto di colore e forma saggiamente ricercati, che esprimono e decorano i pensieri e i sentimenti della vita».

La figlia, Francesca Ferraresi

 
La disposizione del pittore Celestino Ferraresi ci ha emozionato perché ha un significato profondo.

Stavolta il lascito non ha ad oggetto grandi patrimoni o somme di denaro, bensì, un qualcosa di molto prezioso ed estremamente caro a beneficio di quanti si trovano e si troveranno in futuro, come lui, coinvolti nel sofferto percorso della malattia con uno scopo ulteriore: manifestare l'apprezzamento per la professionalità e la profonda umanità del personale AIL riscontrati personalmente.

Celestino ci ha donato una collezione scelta dei suoi quadri, che spaziano per diverse epoche di realizzazione e tematiche trattate; sono principalmente piccoli dipinti che i figli ci hanno consegnato affinché l'Associazione li utilizzi per raccogliere fondi da destinare ai progetti di assistenza ai pazienti ematologici.

Il gesto è stato accolto con grande entusiasmo e responsabilità e l’AIL si è impegnata a realizzare il desiderio di Celestino. Così, con l’aiuto della figlia Francesca, ha allestito una esposizione permanente dei suoi bellissimi quadri presso il foyer del Centro Convegni (adiacente alla sede in Via Casilina, 5 Roma)

È possibile visionare e scegliere le opere ancora disponibili di Celestino Ferraresi previo appuntamento chiamando il numero 06/70386019.

Scegli un quadro e sostieni AIL